Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notiziealgheroPoliticaPolitica › Diritto all´insularità: Alghero c´è
Red 13 settembre 2019
Oggi, a Palazzo Civico, l´adesione alla campagna del Comitato per l´Insularità. Anche i componenti della lista Per Alghero, impossibilitati a presenziare, hanno comunicato la convinta adesione alla manifestazione
Diritto all´insularità: Alghero c´è


ALGHERO - Il diritto all’Insularità stabilito in Costituzione. L'Amministrazione comunale di Alghero ha aderito all’iniziativa del Comitato per l’insularità che, in tutta la Sardegna, sta raccogliendo consensi trasversali. Oggi (venerdì), davanti a Palazzo Civico, in Via Columbano, si è tenuta la manifestazione di adesione alla sfida che tutta l’Isola sta lanciando per la modifica della Carta costituzionale.

Il sindaco di Alghero Mario Conoci, con il presidente del Consiglio comunale Lelle Salvatore, con il vicesindaco Giovanna Caria, gli assessori Giorgia Vaccaro, Marco Di Gangi, Andrea Montis, con diversi consiglieri comunali e cittadini, hanno mostrato lo striscione con scritto “Insularità in Costituzione”. «Pur essendo impossibilitati a presenziare, aderiamo con convinzione alla manifestazione, perché dobbiamo essere in tanti e in tante in tutta la Sardegna a chiedere l’Insularità in Costituzione».

Lo hanno scritto i consiglieri comunali Gabriella Esposito, Mario Bruno e Pietro Sartore a Maria Antonietta Mongiu e Roberto Frongia, coordinatori del Comitato per l’insularita, sottolineando battaglia. Inoltre, hanno ricordato come Bruno, da sindaco, aveva già firmato una richiesta di referendum per l’insularita’ in Costituzione.

Nella foto: un momento della manifestazione
Commenti
10:48
Questo certamente non mette nella giusta luce gli attori, i temi trattati e anche le risoluzioni, in più i termini usati fanno precipitare la nobile politica alle cionfre da bar o da festa campestre
10:59
Quanto accaduto nell’autunno 2017 non fu altro che una protesta civile e non violenta per difendere il proprio diritto all’autodeterminazione. E questo porta a una seconda considerazione importante
© 2000-2019 Mediatica sas