Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notiziealgheroCronacaArresti › Piantagione marijuana ad Alghero: immagini
Red 18 settembre 2019 video
Blitz all´alba da parte delle Fiamme Gialle della Compagnia di Alghero che hanno scoperto una piantagione nelle campagne tra Alghero e Putifigari. Scattato il sequestro di un´ottantina di piante. Arrestate due persone che vivono e lavorano in Riviera del Corallo. Le immagini della Finanza
Piantagione marijuana ad Alghero: immagini


ALGHERO – Operazione messa a segno dalla Compagnia di Alghero e della Sezione Operativa Navale. All'alba di oggi (mercoledì), le Fiamme gialle hanno scoperto una piantagione di marijuana nelle campagne tra Alghero e Putifigari, in località "Scala Mala". Il luogo, individuato grazie ai mezzi aerei della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Elmas, e raggiunto con precisione solo a seguito di servizi di perlustrazione ed osservazione svolti dai militari, risultava essere stato ricavato all’interno di una gola, nei pressi di un vicino ruscello, in una zona difficilmente accessibile. I militari, arrivati sul posto con non poche difficoltà, dato il terreno impervio e la vegetazione selvaggia, hanno rinvenuto un vero e proprio sistema di coltivazione, essiccazione, stoccaggio e preparazione della sostanza stupefacente estremamente efficace, ancorché artigianale.

Si tratta di un sito completamente autonomo, perfettamente tenuto e diviso dai coltivatori in due aree, una prima atta alla coltivazione ed una seconda destinata all’essiccazione delle infiorescenze. Presenti perfino i pannelli solari ed un impianto automatico a goccia collegato ad una motopompa ad immersione, la quale provvedeva, anche in assenza di manodopera, ad innaffiare le piante di canapa giornalmente, cosicché i coltivatori potessero dedicarsi unicamente alla raccolta delle piante. Nella seconda area, ricavata in un vicino incavo naturale, era stato predisposto un locale destinato all'essiccazione delle infiorescenze, opportunamente nascosto con teloni e vegetazione naturale.

Il fabbisogno giornaliero di acqua per le piante era garantito da un serbatoio da 1000 litri. Dopo una notte di appostamento, i militari alle prime luci del mattino di oggi, hanno notato la presenza di due uomini nella zona. I due soggetti sono stati fermati ed arrestati intenti a trasportare alcune piante di canapa appena tagliate per trasportarle al di fuori della piantagione. L’operazione si è conclusa con il successivo smantellamento del sito ed il recupero delle piante. Nel tardo pomeriggio sono state sequestrate le 70 piante di canapa indiana, per un totale di 35kg di sostanza, nonché tutto il materiale adibito alla produzione, essiccamento e stoccaggio. Nei confronti dei due responsabili è stata disposta dal Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Sassari la misura degli arresti domiciliari. I due malviventi saranno sottoposti a giudizio per direttissima nella giornata di giovedì.

16/10/2019
Le Fiamme gialle del locale Gruppo, coordinate dal Comando provinciale di Sassari della Guardia di finanza, hanno tratto in arresto un olbiese che, millantando conoscenze tra funzionari dell’Amministrazione finanziaria, avrebbe intimorito degli imprenditori della zona con minacce di sanzioni, facendosi consegnare denaro contante in più occasioni
21:37
Secondo quanto riportato da alcune testate online del luogo, una 24enne avrebbe confessato. La dominicana avrebbe ammesso di aver aver strangolato il sardo, con cui aveva una relazione da circa quattro anni
21:29
I Carabinieri dell’aliquota Radiomobile della Compagnia di Bonorva sono intervenuti a Thiesi per sedare una lite tra familiari in un appartamento. Durante l’intervento, uno dei litiganti, già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale, manifestava ai militari il desiderio essere arrestato per espiare le sue malefatte in carcere “come un delinquente vero e non a casa”
15/10/2019
I fatti si sono svolti in pieno centro, alla luce del giorno ed hanno visto protagonisti i tre arrestati giunti a Sassari direttamente dalla Romania per riportare, anche mediante condotte particolarmente violente, nel loro paese d’origine la vittima, una 20enne romena
© 2000-2019 Mediatica sas