Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notizienuoroCronacaCronaca › Controlli nel Nuorese: interviene l´Ispettorato
Red 21 settembre 2019
Nel periodo estivo, da giugno ad agosto, il Comando provinciale ed il Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Nuoro, con il personale dell’Ispettorato territoriale del lavoro, sono stati impegnati, nell’ambito del territorio di competenza, nei servizi di controllo in campo nazionale, pub, sale bingo, internet-point e ritrovi genere
Controlli nel Nuorese: interviene l´Ispettorato


NUORO - Nel periodo estivo, da giugno ad agosto, il Comando provinciale ed il Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Nuoro, con il personale dell’Ispettorato territoriale del lavoro, sono stati impegnati, nell’ambito del territorio di competenza, nei servizi di controllo in campo nazionale, pub, sale bingo, internet-point e ritrovi genere. Gli “obiettivi” (pub, bar, ristoranti, internet-point, sale slot e ritrovi in genere) da sottoporre a controllo sono stati individuati principalmente in base all'ubicazione nel capoluogo di provincia e nei Comuni delle zone costiere a maggiore vocazione turistica (Baunei-Santa Maria Navarrese, Bosa, Budoni, Lotzorai, Magomadas, San Teodoro, Siniscola-La Caletta e Tortolì); posizionati lungo le principali vie di comunicazione, i litorali e nei centri abitati; possibilità di riscontrare la presenza di lavoratori “in nero” o irregolari; centri di aggregazione ed incontro giovanile; presenza di apparecchi elettronici per il gioco d’azzardo e reti internet wi-fi.

Le sipezioni sono state effettuate sia nelle sedi legali, sia nelle unità locali delle imprese. Nel corso dei controlli, sono state esaminate le posizioni lavorative del personale trovato al lavoro ed il rispetto della normativa giuslavoristica. Sono state riscontrate violazioni amministrative in relazione all’impiego di lavoratori “in nero” o irregolari. Mentre le violazioni di carattere penale hanno riguardato principalmente l’installazione di impianti di videosorveglianza senza la prescritta autorizzazione, la tutela dei minori impiegati al lavoro, la mancata valutazione dei rischi aziendali/lavorativi e l’utilizzo di lavoratori extracomunitari senza regolare permesso di soggiorno. La campagna ha dato riscontri positivi.

Complessivamente, sono state ispezionate diciannove aziende (di cui sedici irregolari); controllati ottantasei lavoratori (di cui cinquantacinque occupati in modo irregolare, sei impiegati “in nero” ed un clandestino). Sono state elevate sanzioni amministrative per circa 23mila euro ed ammende penali pari a 4mila euro. Recuperati contributi previdenziali ed assicurativi pari ad euro 3.900euro. Deferiti all’Autorità giudiziaria competente dieci rappresentati legali delle imprese sottoposte a controllo.
7:07
Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, la Seconda Compagnia di Cagliari ha concluso una verifica fiscale nei confronti di un professionista operante nel settore legale, che non ha dichiarato, per gli anni d’imposta 2016 e 2017, ricavi per oltre 186 mila euro, omettendo per tali annualità la presentazione delle dichiarazioni obbligatorie e qualificandosi quindi come “evasore totale”
8:06
Il potenziamento di queste attività vicino alle scuole rientra nel progetto “Scuole sicure”, avviato il primo ottobre, finanziato dal Ministero dell´Interno, che ha permesso al Comando di disporre di risorse aggiuntive per intensificare le attività investigative
15/10/2019
Emerge una scena del crimine agghiacciante. Il 70enne di Alghero trovato morto nella sua casa di Boca Chica, vicino a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana
16/10/2019
L´ex patron dell´hotel Capo Caccia di Alghero, Gianni Marocchi, patteggia a 3 anni e 10 mesi nel processo per bancarotta della prestigiosa struttura alberghiera algherese
15/10/2019
«Ieri, migliaia di cittadini catalani all’interno dell’aeroporto hanno intonato “Bella ciao”, un canto diventato, ormai, il manifesto di tutti i popoli che vogliono battersi per la libertà. Il filo linguistico che lega Alghero e la Catalogna ha, adesso, un altro elemento di comunanza», dichiara il presidente della locale Anpi Antonio Budruni
15/10/2019
«La Consulta cívica per les polítiques lingüístiques del català de l’Alguer da il suo supporto ai responsabili catalani che hanno difeso il diritto all´autodeterminazione, con manifestazioni pacifiche e la votazione finale con il referendum del 1 ottobre 2017», si legge in una nota proveniente da Palazzo Serra
© 2000-2019 Mediatica sas