Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notiziesardegnaOpinioniSocietàCurdi e Catalani, popoli a cui è negata la libertà
Stefano Campus* 15 ottobre 2019
L'opinione di Stefano Campus*
Curdi e Catalani, popoli a cui è negata la libertà


Mentre il mondo assiste impotente allo sterminio dei Curdi da parte del Governo Turco, nel cuore della democratica Europa, dopo due anni di carcere preventivo, arriva la sentenza che riporta la Spagna nel periodo buio della dittatura di Francisco Franco, Infatti la Corte suprema spagnola ha reso note le pesanti condanne di 9 leader politici e della società civile catalana, condanne che vanno dai 9 ai 13 anni di carcere oltre alla interdizione dai pubblici uffici, per un totale di circa 100 anni di pena. Tra di essi, la Presidente del Parlamento Catalano, Carme Forcadell, condannata a 11 anni e sei mesi per aver permesso che si discutesse nell’aula del Parlamento catalano delle votazioni per l’autodeterminazione e il Presidente di Òmnium Cultural, Jordi Cuixart, condannato a nove anni di reclusione per sedizione, in seguito alla partecipazione alle manifestazioni pacifiche in piazza.

Il Presidente Jordi Cuixart oggi dichiara que “ni la presó ni la repressió seran mai la visualització de cap derrota, sinó un pas més en la lluita per l’exercici dels drets fonamentals avui greument condemnats” ( né la prigione né la repressione saranno mai la visualizzazione di una sconfitta, ma anzi costituiranno un passo in più nella lotta per l’esercizio dei diritti fondamentali oggi pesantemente condannati).
L’autodeterminazione dei popoli è un principio inalienabile che coinvolge tutte quelle popolazioni a cui viene negata con azioni repressive la negazione dei fondamentali diritti civili, la possibilità di decidere del proprio futuro. Ciò che oggi subisce il popolo curdo da una parte e quello catalano dall’altra, comporta una mobilitazione pacifica e democratica, partendo dalle realtà locali per arrivare alla comunità europea ed internazionale.

Òmnium Cultural de l’Alguer, che ha denunciato e condannato quanto è accaduto in Catalogna già dal 2017, invita tutte le istituzioni locali, il Sindaco di Alghero, il Presidente del Consiglio Regionale e il Presidente della Regione, le istituzioni e le organizzazioni democratiche presenti ad Alghero ed in Sardegna affinchè adottino iniziative di condanna nei confronti del Governo spagnolo. Òmnium Cultural de l’Alguer proporrà una manifestazione unitaria pubblica di denuncia delle azioni repressive avvenute anche oggi nei confronti del popolo Catalano e di solidarietà con i 9 condannati ingiustamente.

*a nome dell'Òmnium Cultural de l’Alguer
Commenti
13:03
Obiettivo principale dell’iniziativa è l’educazione dei giovani alla conoscenza della Seconda Guerra Mondiale e della Shoah. Coinvolti tutti i ragazzi tra i 18 e i 25 anni
16/11/2019
La presentano i consiglieri comunali Valdo di Nolfo, Graziano Porcu, Ornella Piras, Gabriella Esposito, Raimondo Cacciotto, Roberto Ferrara, Pietro Sartore, Mario Bruno e Mimmo Pirisi (primo firmatario)
16:28
Sono gli allievi della Quinta A del Liceo Europeo del Convitto Nazionale Canopoleno di Sassari. Una dichiarazione di stima e di ferma condanna nei confronti di chi ha minacciato la senatrice nei giorni scorsi
15/11/2019
Progetto di innovazione sociale e sviluppo di Comunità che prevede la selezione di 20 “Madri di quartiere”, che vuole anche facilitare l´accesso al sistema dei servizi socio-sanitari
© 2000-2019 Mediatica sas