Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notiziesassariPoliticaAmbiente › Tutto pronto per Climathon 2019
Red 17 ottobre 2019
Cambiamenti climatici: eventi anomali di precipitazione, ondate di calore e comfort urbano. I cittadini di tutto il mondo possono partecipare alla manifestazione e trovare soluzioni alle sfide climatiche della loro città. Eventi a Sassari
Tutto pronto per Climathon 2019


SASSARI - “Climathon” è un hackathon mondiale sui cambiamenti climatici della durata di ventiquattro ore, promossa da “Climate-Kic” ed organizzata sul territorio sassarese dal settore comunale Ambiente e verde pubblico–Servizio sostenibilità ambientale, che si svolgerà contemporaneamente venerdì 25 ottobre, in oltre cento città del mondo. L'evento riunisce i cittadini, i professionisti, le imprese, il mondo accademico e tutta la società civile per sviluppare insieme le migliori soluzioni innovative per le principali sfide climatiche. Originariamente concepito come hackathon da “Eit Climate-Kic”, Climathon da allora è decollato come movimento globale, coinvolgendo i cittadini sull'azione per il clima e fornendo alle città un supporto continuo sulle sfide uniche che devono affrontare.

A Sassari si svolgerà dalle 10 di venerdì 25 ottobre alle 13 di sabato 26 e sarà orientato alla progettazione di strategie efficaci per l'adattamento agli eventi meteorologici estremi quali precipitazioni anomale ed ondate di calore in relazione al comfort urbano Venerdì, dalle 10 alle 13, la manifestazione si svolgerà nella sala conferenze della Biblioteca comunale, in Piazza Tola; dalle 15 di venerdì alle 13 di sabato 26, nei locali del Polo Bionaturalistico dell'Università degli studi di Sassari, in Via Piandanna 4. Ogni città di Climathon identifica le sue sfide climatiche ed invita i suoi cittadini a trovare soluzioni innovative. La sfida che lancia Sassari riguarda l'adattamento agli eventi meteorologici estremi quali precipitazioni anomale ed ondate di calore in rapporto al comfort urbano, con un evento dal titolo “Cambiamenti climatici: eventi anomali di precipitazione, ondate di calore e comfort urbano".

Il 25 ottobre, si potrà arrivare al Climathon con un’idea da sviluppare o muniti solo della voglia di mettersi in gioco, da soli o con un team già costituito (massimo tre persone). I singoli si aggregheranno ad altri iscritti nelle prime fasi dei lavori, scegliendo l’argomento di proprio interesse, per formare gruppi eterogenei di circa dieci persone e con le competenze necessarie per lo sviluppo della soluzione alla sfida. Esperti e tutors supporteranno i team durante l'evento nel trovare le migliori soluzioni alle sfide. I partecipanti saranno immersi in una vera e propria maratona di sviluppo di un'idea progettuale, a partire dalla sua concezione, passando per l’analisi della sua potenziale innovazione, verificandone la realizzabilità. Dopo ventiquattro ore di collaborazione e ricerca di soluzioni, l'idea migliore verrà selezionata da una giuria composta da esperti sul tema della sfida.

È possibile iscriversi singolarmente o in gruppo (massimo tre persone), sul sito internet dedicato alla manifestazione. La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti: professionisti, ricercatori, docenti, studenti, esponenti della società civile, imprenditori e dipendenti di amministrazioni pubbliche. «Sono particolarmente benvenuti – dichiarano gli organizzatori - i partecipanti con competenze, anche multidisciplinari, in scienze ambientali e naturali, forestali, agronomia, pianificazione, ingegneria, architettura, medicina, economia». Per questioni logistiche, il numero massimo dei partecipanti è cinquanta. Le iscrizioni scadono mercoledì 23 ottobre. Gli organizzatori potranno effettuare una selezione dei partecipanti in base ai profili raccolti ed all’ordine di presentazione delle candidature sul sito.
Commenti
23:01
Il mondo agricolo partecipe del Contratto. Iniziano domani, ad Alghero, i tavoli tematici. Poi, ci saranno tre tavoli, il 27 novembre, il 5 ed il 17 dicembre, ognuno con un tema chiave distinto
7:14
Ieri mattina, l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente Gianni Lampis ha partecipato all’incontro organizzato, nei locali dell’Assessorato regionale, nell’ambito del “Progetto Creiamo Pa”
10:22
Disposto il trasferimento delle somme per l´appalto dei lavori. Il Comune di Porto Torres riceverà 5,2milioni di euro dalla Regione autonoma della Sardegna per realizzare il Pit fluviale
19/11/2019
Il Nucleo di ricerca sulla desertificazione dell´Uniss coordina il progetto Eni CbcMed, finalizzato dall´Unione europea, per il riutilizzo di acque non convenzionali in agricoltura
19/11/2019
«Patrimonio ambientale da tutelare e preservare», hanno dichiarato al Teatro Eliseo, gli assessori regionali della Difesa dell’Ambiente Gianni Lampis e dell’Agricoltura, Gabriella Murgia
© 2000-2019 Mediatica sas