Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notiziealgheroPoliticaAmministrazione › Lanterne, risponde Pesaro e fa male
Cor 3 dicembre 2019
«Polemiche disinformate e strumentali» dice il vicesindaco Daniele Vimini che auspica un rinnovo dell´amicizia. E ancora: «Nessuna lanterna proveniente da Alghero è stata collocata nei borghi, come erroneamente indicato dalla interrogazione di una forza politica algherese. Le lanterne di proprietà della città di Alghero sono quindi a disposizione per essere riconsegnate»
Lanterne, risponde Pesaro e fa male


ALGHERO - All'interrogazione dei quattro consiglieri comunali di Forza Italia di Alghero sulle luminarie d'autore datate 2017 - Nunzio Camerada, Tatiana Argiolas, Pepinetto Musu e Gianni Spano - indirizzata al sindaco Mario Conoci, risponde direttamente l'Amministrazione comunale di Pesaro che per bocca del vicesindaco e assessore alla cultura del Comune, Daniele Vimini, si dice «stupito e amareggiato». Documento che rischia di incrinare i rapporti con la Città Creativa Unesco lasciando intravedere appunto, una gaffe istituzionale probabilmente evitabile.

«Leggo con stupore e amarezza dell’interrogazione consiliare da parte di un gruppo politico della città di Alghero. L’accordo rispetto al progetto EluceFù, divenuto poi nella denominazione appunto "Luci in transumanza", prevedeva che le lanterne della città di Alghero venissero non spedite - sottolinea Vimini - ma prelevate a carico di maestranze del Comune di Pesaro direttamente ad Alghero, cosa poi avvenuta. Le lanterne, fortemente usurate da oltre un anno di esposizione ad Alghero sono state completamente restaurate a Pesaro dai ragazzi dell’Istituto d’Arte sotto il tutoraggio di professionisti Algheresi, così come da accordi, per essere esposte fino al 30 novembre 2019».

«In quell’occasione - precisa ancora il vicesindaco di Pesaro - abbiamo provveduto a realizzare ex novo 200 pezzi, esattamente quelli che sono poi stati ricollocati, essendo nostra prerogativa, nei borghi della città, avendo il Comune di Pesaro provveduto all’acquisto di tutti i materiali necessari, sia ai restauri che alle nuove realizzazioni. Nessuna lanterna proveniente da Alghero è stata collocata nei borghi, come erroneamente indicato dalla interrogazione di una forza politica algherese. Le lanterne di proprietà della città di Alghero sono quindi a disposizione per essere riconsegnate».

«Naturalmente dopo quasi 10 mesi di esposizione agli agenti atmosferici dette lanterne sono in gran parte necessitanti di un nuovo intervento di restauro, come lo furono all’arrivo a Pesaro. Detto questo, sottolineando gli ottimi rapporti e gli auspici di rinnovare l’amicizia tra le nostre città, ribaditi dalle due amministrazioni con recentissime missive, auspichiamo che il rapporto possa divenire sempre più stretto e sinergico, al riparo possibilmente da polemiche disinformate e strumentali» conclude Daniele Vimini.

Nella foto: le lanterne d'autore marchiate da Antonio Marras a Pesaro
Commenti
10:45
Il sopralluogo fissato per la giornata di martedì segue quello di ottobre. Alla riunione convocata dal presidente Christian Mulas, è prevista anche la partecipazione dell´assessore dei Lavori pubblici Antonello Peru
18/1/2020
Il Sindaco e la Giunta comunale di Alghero proseguono con gli incontri con i Comitati di quartiere per discutere la soluzione dei problemi. Martedì l’incontro con i residenti del centro storico, a cui è seguito giovedì quello con Sant’Agostino. Gas e idrico sul tavolo. Armonizzare gli scavi con rete idrica: ieri incontro sul tema con il direttore generale di Abbanoa. Nei prossimi giorni, verrà programmato l’incontro con il Comitato di Fertilia
22:29
Il Consiglio comunale ha votato all´unanimità l´attribuzione della cittadinanza onoraria alla senatrice. E´ un «segno di riconoscimento universale della lotta di ogni forma di discriminazione e violenza e per l’opera profusa per il mantenimento della memoria della tragedia della Shoah di cui fu vittima e per il suo impegno per i diritti dell’uomo, che incoraggia tanti giovani, uomini e donne a proseguire questa fondamentale opera educativa per non dimenticare le tragedie e gli orrori del passato e seminare semi di pace, di tolleranza e fratellanza»
© 2000-2020 Mediatica sas