Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter Alguer.cat
Olbia 24notizieportotorresCronacaFinanziamenti › Truffa aggravata: denunciati 2 imprenditori di Porto Torres
M.P. 20 giugno 2019
A seguito di una complessa indagine conclusasi con la denuncia alla Procura di Sassari per il reato di truffa aggravata di quattro soggetti, tra i quali due imprenditori portotorresi
Truffa aggravata: denunciati 2 imprenditori di Porto Torres


PORTO TORRES - A seguito di una complessa indagine conclusasi con la denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari per il reato di truffa aggravata di quattro soggetti, tra i quali due imprenditori portotorresi, i finanzieri del comando provinciale di Sassari hanno proceduto a segnalare alla Procura regionale della Corte dei Conti di Cagliari un danno erariale di 2,1 milioni di euro. I fatti risalgono al 2017, quando una nota cooperativa turritana, promettente ed
innovativa attività industriale per la produzione dello sleeve (tubolari
termoretraibili in materiale plastico).

L'azienda aveva ottenuto dal ministero dello Sviluppo Economico un finanziamento a fondo perduto per l’acquisizione in leasing di
un capannone industriale e di un innovativo impianto di produzione per 400mila euro. Il leasing era garantito dalla Sfirs– società finanziaria della Regione Sardegna, i cui fondi gravano su stanziamenti del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale per 1 milione e 743 mila euro circa.

Nel corso degli accertamenti condotti dai militari della Guardia di Finanza di Porto Torres è emerso che l’impianto non era assolutamente in grado di funzionare e di produrre sleeve commercializzabile in quanto differente strutturalmente da quello presentato in progetto. In particolare, avvalendosi di false perizie, i responsabili avrebbero tratto in inganno i funzionari incaricati di attuare il progetto per conto del ministero dello Sviluppo Economico e la stessa società di leasing, conseguendo un ingiusto vantaggio patrimoniale con danno a valere su fondi pubblici.

Accertata pertanto, anche l’esistenza di un danno erariale, nei giorni scorsi è stata interessata l’Autorità giudiziaria contabile di Cagliari, con la segnalazione dei responsabili e la quantificazione dell’indebita percezione di contributi pubblici. Il servizio condotto è testimonianza della costante attenzione che il Corpo rivolge non solo alla lotta all’evasione fiscale ma anche e soprattutto al perseguimento di ogni forma di illecito che si traduce in spreco di risorse pubbliche con enorme danno per tutta la collettività.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas