Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notizieolbiaCronacaArresti › Sbarca con gli ovuli: nigeriano in manette
Red 19 febbraio 2021
Sbarca con gli ovuli: nigeriano in manette
Le Fiamme gialle di Olbia hanno arrestato un 33enne, residente a Sassari, sceso dalla nave proveniente da Civitavecchia, che aveva ingerito undici ovuli, per un totale di 110grammi di eroina che, una volta tagliata e immessa sul mercato, avrebbe fruttato circa 30mila euro


OLBIA - Nell’ambito dei servizi disposti dal Comando provinciale di Sassari per la prevenzione ed il contrasto del traffico di stupefacenti, le Fiamme gialle del Gruppo di Olbia in servizio nel Porto Isola Bianca hanno arrestato un 33enne nigeriano che trasportava eroina. L’uomo, residente a Sassari, dimorante in Italia da tre anni e gfià noto alle Forze dell'ordine, è stato notato dai finanzieri mentre cercava di evitare il controllo confondendosi tra i passeggeri sbarcati a piedi dalla nave proveniente da Civitavecchia.

Una volta fermato, è sembrato subito molto nervoso, tanto da spingere i militari approfondire il controllo con l’ausilio di Semia e Betty, rispettivamente un labrador e un giovane malinois addestrati per la ricerca di droghe, che hanno segnalato chiaramente lo stupefacente. Nonostante l’esito negativo di una prima perquisizione personale, l’esperienza dei conduttori cinofili ha suggerito di condurre ulteriori approfondimenti all’ospedale di Olbia, dove gli accertamenti medici hanno permesso di individuare undici “corpi estranei” che erano stati ingeriti dall’uomo.

I corpi estranei si sono rivelati “ovuli”, poi risultati contenere complessivamente 110grammi di eroina di altissima qualità che, una volta tagliata e immessa sul mercato, avrebbe potuto fruttare fino a 30mila euro. Al termine delle attività, il 33enne è stato arrestato per traffico di sostanze stupefacenti e posto a disposizione dell’Autorità giudiziaria di Tempio Pausania che ne ha disposto l’immediato accompagnamento in carcere di Bancali.
15/4/2021
Ieri, in un paese dell´hinterland sassarese, un 35enne è stato tratto in arresto per rapina, maltrattamenti in famiglia e porto abusivo di oggetti atti a offendere perchè, dopo una lite con la fidanzata convivente, l´aveva aggredita fisicamente e le aveva sottratto il telefono cellulare
15/4/2021
All’interno dei locali e dell’abitazione i due fidanzati erano riusciti a creare una vera e propria serra “in house”, riuscendo a coltivare ben 111 piantine di cannabis dell’altezza tra i 30 e i 40 cm, grazie all’ausilio di lampade termiche, deumidificatori, pompe di calore e stufe, che ne ricreavano l’ambiente ideale di crescita
15/4/2021
La donna ha riferito di essere stata oggetto, da parte del fidanzato, di maltrattamenti da diversi anni. Arrestato, è risultato essere anche gravato dalla misura di divieto di detenzione armi, ma trasportava con se tre coltelli a serramanico
15/4/2021
Ieri, la Polizia ha tratto in arresto un 39enne, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Sassari


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2021 Mediatica SRL - Alghero (SS)