Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notiziealgheroPoliticaSanità › Emergenza sanitaria e sociale: l´allarme di Fortza Paris
Red 29 marzo 2020
Emergenza sanitaria e sociale: l´allarme di Fortza Paris
Il partito chiede al presidente della Regione autonoma della Sardegna ed a tutti i sindaci dell´Isola maggior attenzione in questo momento di emergenza sanitaria, che si sta trasformando in emergenza sociale


ALGHERO - «La situazione sanitaria che sta colpendo la Nazione e quindi la nostra Isola sta aggravando in maniera esponenziale i disagi economici che già dovevamo affrontare come sardi. Il turismo, la ristorazione e le aziende connesse, nonché l'indotto, stanno subendo una drammatica riduzione dei redditi e questo provocherà a sua volta una riduzione generalizzata dei consumi innescando, se non si prendono con la massima urgenza provvedimenti finanziari seri come altri Paesi hanno fatto, un circolo vizioso di stagnazione, deflazione e povertà». Inizia così il grido d'allarme di Fortza Paris, che chiede al presidente della Regione autonoma della Sardegna ed a tutti i sindaci dell'Isola maggior attenzione in questo momento di emergenza sanitaria, che si sta trasformando in emergenza sociale.

«In questi giorni – spiegano il segretario provinciale di Sassari Giovanni Nurra, il vicesegretario provinciale e segretario cittadino di Porto Torres Silvia Pazzola, i segretari cittadini di Sassari Marco Fidalis, di Alghero Massimiliano Lepri, di Usini Augusto Fois, di Sorso Piergiuseppe Idini ed il vicesegretario cittadino di Alghero Ettore Casu – si vedono i primi effetti della crisi economica generata dalla pandemia e ad oggi molti, anzi moltissimi, stanno iniziando a non avere risorse per mangiare. Questo non è ammissibile in una Nazione sviluppata e dalla complessa economia come l'Italia. Non è ammissibile in una democrazia come la nostra e con una Costituzione come la nostra. I primi a soccombere sono i più deboli e quelli senza tutele; e tra questi, i senza tetto e la massa di disperati che ogni giorno già si servivano alle mense dei poveri aiutati solo dalla solidarietà dei cittadini anche attraverso il terzo settore; ci chiediamo quindi quali iniziative stiano prendendo i Comuni per far fronte ad un problema che prima che economico è di natura etica e che se non è affrontato può persino diventare di ordine pubblico. Con orrore vediamo che la quantità delle somme stanziate non si può considerare sufficiente e nè si puo considerare congrua in base ai dati snocciolati riguardanti il numero dei poveri presenti nelle citta della Sardegna».

«Va da se che, vista la premessa, si devono considerare i fondi destinati ai più bisognosi insufficienti e quasi offensivi. Secondo i primi calcoli spetterebbero ad ogni cittadino considerato povero una somma vicina ai 60euro...vi sembra voi un sussidio o un elemosina? Questa drammatica situazione – proseguono gli esponenti di Fortza Paris - si è evidenziata proprio in questi giorni con gli operatori che invitavano i cittadini a stare in casa e, dall'altra parte, le troppe persone che rispondevano che una casa, un tetto, un giaciglio non lo possedevano... così come in molti non possedevano una fornello per cucinarsi almeno un piatto caldo di pasta». Le cose da fare subito sarebbero «approntare in ogni paese coinvolto dalla crisi un dormitorio che consenta il ricovero di queste persone seguendo le attuali regole di sicurezza; approntare un servizio di mensa per tutte quelle persone che non sono in grado di cucinarsi un pasto prevedendo l'adozione delle attuali regole di sicurezza; prevedere dei buoni convenzionati per beni di primissima necessità da distribuire alle famiglie meno abbienti».

«Per realizzare queste poche cose bisogna coinvolgere immediatamente tutti i rappresentanti delle associazioni del Terzo settore per stabilire come risolvere queste criticità ascoltando la loro esperienza e capendo che è necessario e importantissimo programmare adesso e non all'arrivo dei finanziamenti. Fortza Paris chiede quindi a tutte le Istituzioni competenti e coinvolte in questa guerra al virus, che si trasformerà in breve in una guerra alla fame, cosa stiano programmando per aiutare le categorie dimenticate (il Terzo Stato), i senza tetto e tutti i dimenticati prima che la guerra alla fame diventi guerra civile. E' necessario che tutti gli interventi del caso (buoni pasto, buoni mensa, luoghi di ospitalità per la notte) compresi quelli appena annunciati dal premier in tv, vengano approvati immediatamente e messi a disposizione in tempi brevissimi. Il quarto stato non può passare un altro giorno senza aiuti», concludono i rappresentanti territoriali del partito.

Nella foto: il segretario cittadino di Alghero Massimiliano Lepri
Commenti
20:04
Sono 1.356 i casi di positività al Covid-19 accertati in Sardegna dall´inizio dell´emergenza. E´ quanto rilevato ad oggi dall´Unità di crisi regionale nell´ultimo aggiornamento. Resta invariato il numero delle vittime, 130
17:51
Un Falcon 900 del 31esimo Stormo dell´Aeronautica militare ha trasportato un bambino in imminente pericolo di vita. L´ambulanza, in attesa sulla pista romana, lo ha poi accompagnato all´Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma
21:46
La spiaggia di Balai sarà cardioprotetta per l´intera stagione estiva grazie al defibrillatore. Lo strumento salvavita è stato affidato all´associazione Snorkeling academy, in possesso delle abilitazioni
15:06
«Non abbiamo alcuna intenzione di fare passi indietro sulla sicurezza dei cittadini. La tutela della salute dei sardi, così come quella dei turisti che scelgono la nostra bellissima Isola come meta delle proprie vacanze, è e resta una priorità», dichiara l’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu
28/5/2020
Effettuato tampone su tutti i pazienti prima dell’ammissione in reparto. Anche il personale esegue periodicamente il test diagnostico molecolare per verificare la negatività al Covid-19. Alessandra Falsetti, direttore generale Mater Olbia: «Abbiamo implementato tutte le misure necessarie per consentire a pazienti, cittadini e operatori di accedere ai nostri servizi e lavorare in totale sicurezza»
27/5/2020
E´ il dato aggiornato ad oggi in Sardegna dove, in totale, sono stati eseguiti 53.294 test. I casi accertati ad oggi salgono però a 1.355, per l´inserimento di un caso verificatosi a marzo nella Città metropolitana di Cagliari e non conteggiato precedentemente. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto quarantatre, di cui due in terapia intensiva. I decessi restano 130
28/5/2020
Uno dei progetti che sta più a cuore all’Amministrazione comunale non è, tuttavia, un cantiere di propria competenza, ma un progetto attivato dall’Ats e riguarda la struttura sanitaria San Giovanni Battista
28/5/2020
L´Ats Sardegna-Medicina convenzionata Assl Sassari ha attivato le procedure necessarie per il reclutamento di due pediatri di libera scelta per far fronte alle esigenze assistenziali venutesi a creare a seguito del pensionamento di due pediatri, entrambi massimalisti, che operavano nel capoluogo turritano
27/5/2020
Ieri mattina, nella struttura, il sindaco ha incontrato il direttore del Distretto socio sanitario delle isole facente funzioni. Continuità con la medicina di base, funzionamento del punto unico di accesso ed integrazione delle politiche sociali con i servizi di medicina di base e territoriale tra gli argomenti discussi


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)