Skin ADV
Olbia 24
Notizie    Video   
NOTIZIE
Olbia 24 su YouTube Olbia 24 su Facebook Olbia 24 su Twitter
Olbia 24notiziesardegnaPoliticaSanità › «Guanti monouso, forniture a rischio»
Red 21 maggio 2020
«Guanti monouso, forniture a rischio»
Il consigliere regionale dei Riformatori sardi Michele Cossa chiede che lo «stop all´obbligatorietà negli esercizi commerciali nelle ordinanze dei Comuni»


CAGLIARI - «Davanti alle difficoltà degli ospedali e dei presidi sanitari in genere a reperire i guanti monouso, che proteggono e prevengono il contagio, serve che nessun esercizio commerciale o attività tra quelle non previste dalle normative nazionali nè nelle ordinanze del presidente della Regione Solinas ne renda obbligatorio l’uso». Il monito arriva dal consigliere regionale dei Riformatori sardi Michele Cossa.

«I guanti monouso vengono prodotti solo in alcuni Paesi del mondo (Malesia, Thailandia, Vietnam, Sri Lanka, poco in Cina) e vengono acquistati da tutti gli altri, nei quali il consumo è aumentato da cinque a dieci volte a seconda dei casi. Solo in Sardegna sarebbero necessari quasi 50milioni di paia di guanti al mese. Le aziende produttrici – spiegano Cossa - non riescono ad aumentare la produzione, e in questo momento la forte domanda, oltre a produrre un incremento dei prezzi, sta mettendo a rischio la fornitura con evidenti ripercussioni sulla disponibilità di quello fondamentale strumento di tutela della salute proprio proprio nei luoghi dove servono: strutture sanitarie e sociali, istituti di pena, esercizi commerciali ed esercizi pubblici dove sono davvero indispensabili (come estetisti, parrucchieri, etc.)».

«Una normale sanificazione delle mani all’ingresso e all’uscita, dappertutto obbligatoria, è una garanzia sufficiente, senza necessità di imporre anche l’uso dei guanti, come hanno fatto impropriamente diversi Comuni». Il problema, secondo il consigliere regionale, sta già interessando alcuni ospedali sardi: «Ho raccolto in questi giorni le preoccupazioni di chi lavora all’interno delle strutture sanitarie. La carenza dei dispositivi mette a rischio l’incolumità dei medici e dei pazienti ed è impensabile che in una fase delicata come quella attuale si possa correre il rischio di rimanerne privi. Ecco perché è necessario che venga rimossa la loro obbligatorietà quando non è legata a reali esigenze di tutela della salute».

Nella foto: il consigliere regionale Michele Cossa
Commenti
16:02
Effettuato tampone su tutti i pazienti prima dell’ammissione in reparto. Anche il personale esegue periodicamente il test diagnostico molecolare per verificare la negatività al Covid-19. Alessandra Falsetti, direttore generale Mater Olbia: «Abbiamo implementato tutte le misure necessarie per consentire a pazienti, cittadini e operatori di accedere ai nostri servizi e lavorare in totale sicurezza»
26/5/2020
I consiglieri regionali del Partito democratico hanno presentato un documento sulla necessità che, con l´avvio della Fase 2, si provveda «con urgenza alla definizione di trattamento e accoglienza dei turisti asintomatici Covid-positivi, comunque costretti alla quarantena, e dei cittadini sardi che, nelle stesse condizioni, abitassero in case non idonee all´isolamento e sulla necessità di riorganizzazione di tutta la rete ospedaliera, nonché degli spazi e dei percorsi negli ospedali e nei pronto soccorso»
26/5/2020
I decessi aumentano in seguito alle verifiche che hanno portato all´inserimento di un decesso avvenuto ad aprile e non conteggiato precedentemente. Nessun caso di positività registrato nelle ultime settantadue ore. E´ il dato aggiornato ad oggi in Sardegna dove, in totale, sono stati eseguiti 51.968 test. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto quarantatre, di cui due in terapia intensiva
26/5/2020
«La prevalenza dei positivi tra gli operatori è inferiore alla media nazionale. Vincenti le strategie adottate nel tempo», dichiarano dagli uffici dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari
27/5/2020
E´ il dato aggiornato ad oggi in Sardegna dove, in totale, sono stati eseguiti 53.294 test. I casi accertati ad oggi salgono però a 1.355, per l´inserimento di un caso verificatosi a marzo nella Città metropolitana di Cagliari e non conteggiato precedentemente. I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto quarantatre, di cui due in terapia intensiva. I decessi restano 130
13:29
L´Ats Sardegna-Medicina convenzionata Assl Sassari ha attivato le procedure necessarie per il reclutamento di due pediatri di libera scelta per far fronte alle esigenze assistenziali venutesi a creare a seguito del pensionamento di due pediatri, entrambi massimalisti, che operavano nel capoluogo turritano
26/5/2020
Si conferma al 3percento l´incidenza dei positivi nella popolazione sanitaria che ha effettuato lo screening. L´Azienda ospedaliero universitaria ha scelto di precisare la situazione contro dubbi e false notizie diffuse sui social network
11:27
Uno dei progetti che sta più a cuore all’Amministrazione comunale non è, tuttavia, un cantiere di propria competenza, ma un progetto attivato dall’Ats e riguarda la struttura sanitaria San Giovanni Battista
27/5/2020
Ieri mattina, nella struttura, il sindaco ha incontrato il direttore del Distretto socio sanitario delle isole facente funzioni. Continuità con la medicina di base, funzionamento del punto unico di accesso ed integrazione delle politiche sociali con i servizi di medicina di base e territoriale tra gli argomenti discussi


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)